Il nuovo ministro degli Esteri britannico Boris Johnson è noto per il suo linguaggio, lontano dal rientrare nel politically correct, pratica rispetto alla quale viaggia su un binario parallelo che non ha mai incontrato. Il suo tatto, i suoi toni pacati, hanno arricchito un elenco di gaffes molto nutrito e, fatto ancora più grave, molte di queste riguardano leader con i quali potrebbe aver presto un incontro.

Boris Johnson, 9 gaffe (tra le tante) del nuovo ministro degli Esteri di Sua Maestà

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, polizia uccide un 19enne disarmato: si era rifiutato di alzare le mani. Il video choc

prev
Articolo Successivo

“Ecco quanto è semplice e veloce”: il principe Harry fa il nuovo test Hiv in diretta su Facebook

next