Milano ospita in questi giorni 2700 profughi e non tutti riescono a essere collocati nelle strutture d’accoglienza, come lo spazio di via Sammartini messo a disposizione da Ferrovie dello Stato e gestito da Fondazione progetto Arca, e dormono per strada. “Dovrebbero stare in questo Hub alcune ore perché questa è una struttura transitoria e invece passano qui settimane – spiega Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali del comune di Milano il sistema studiato dal Viminale non funziona”.

I numeri degli arrivi non sono calati rispetto a un anno fa anche a causa del blocco della rotta balcanica, e il rafforzamento di quella del Mediterraneo centrale: i migranti si fermano a Milano, soprattutto perché respinti dai Paesi in cui hanno provato ad andare per richiedere asilo politico (Francia, Germania, Svizzera), come loro stessi raccontano. Il Comune di Milano spera ora che una parte dei migranti vengano ospitati nel campo base Expo, a Rho (Mi)

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina, museo pronto da trent’anni ma mai aperto. Caravaggio e gli altri possono attendere. “Regione ci dia il personale”

next
Articolo Successivo

Ucciso 40 anni fa il magistrato Vittorio Occorsio: una vita spezzata, un’indagine interrotta

next