La Gran Bretagna è fuori. Crollo delle borse internazionali, ridiscussione dei trattati, spostamento dell’ago della bilancia geopolitico. Ma oltre alle macroconseguenze che inevitabilmente la Brexit si porterà dietro, i primi cambiamenti con cui i cittadini italiani avranno a che fare saranno molto più pratici. Dalla reintroduzione delle frontiere al risparmio sugli acquisti in Uk, dalle condizioni dei nostri connazionali nel Regno Unito fino alla riorganizzazione del Progetto Erasmus, la monarchia britannica potrebbe perdere il suo potere attrattivo nei confronti degli abitanti del Belpaese. Potere che ha reso Londra la quinta città italiana per numero di abitanti.

Brexit: per gli italiani in Uk stop ad agevolazioni, Erasmus e sanità gratis. Ecco cosa cambia dai visti alle frontiere

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, e se fosse la fine del Regno Unito?

next
Articolo Successivo

Brexit, Ue: “Rispettiamo il voto, ora uscita sia veloce”. Padoan: “Rischio effetto domino”. Le Pen: “Se vinceremo, referendum anche in Francia”

next