L’esito del referendum sull’uscita dall’Ue spaventa la grande stampa americana, e non solo. Con la Brexit si apre un “capitolo incerto della storia” del Regno Unito, secondo il New York Times, che si chiede: “Gli inglesi hanno scelto di lasciare l’Ue, lasciando il Regno Unito di fronte a una domanda ancora più difficile: che tipo di paese sarà ora? Sarà il paese che i leader del partito del ‘Leave’ insistono che sarà? O si ritirerà e diventare il ‘piccolo’ Regno Unito nazionalista e un po’ xenofobo? E ancora più importante: resterà unità? Con la Scozia pro-Ue, aumenteranno le pressioni per un altro referendum sull’indipendenza che potrebbero portare alla fine del Regno Unito”.

Di sicuro l’uscita dall’Ue preoccupa l’economia americana. A dirlo è il Wall Street Journal citando alcuni funzionari americani, secondo i quali il rischio è quello di un apprezzamento del dollaro che farebbe calare la domanda per le esportazioni americane, andando a indebolire una ripresa già fragile. Anche se i danni di una Brexit non faranno scivolare gli Stati Uniti in recessione, le autorità americane sono preoccupate. Gli analisti ritengono che il G7 sarà costretto a un comunicato per cercare di rassicurare, impegnandosi a monitorare la volatilità dei cambi e dicendosi pronto ad agire.

Tra i giornali britannici, invece, il Telegraph è quello che più ha sostenuto la campagna della Brexit: “Il Paese – scrive – ha avuto quella discussione aperta, e onesta, su sovranità, identità nazionale, rapporto con il resto del mondo e ovviamente immigrazione che da tempo gli era dovuta. Questo referendum deve essere fonte di orgoglio”. Su tutt’altra posizione è il Guardian, che per altro definisce la “caduta di David Cameron” una “tragedia europea”. Pessimisti anche gli altri giornali europei, dai francesi Le Figaro e Le Monde agli spagnoli El Mundo ed El Paìs, passando per il tedesco Spiegel e la versione irlandese dell’Indipendent.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, divisioni interne e poco impegno: Labour sotto accusa. Anche le roccaforti “rosse” contro Bruxelles

next
Articolo Successivo

Brexit, l’Unione europea non è riformabile. E in Italia cosa farà il M5S?

next