Al di là della sconfitta pesante che Matteo Renzi porta a casa in questa tornata amministrativa e che colleziona la pesante bocciatura della sua linea politica fondata sul Partito della nazione; del suo modo di governare il Pd al quale neanche è riuscito a dare una nuova classe dirigente; del suo governo ormai impopolare per le misure messe in campo (riforma del lavoro, della scuola, ecc.) e per l’incapacità di risolvere problemi (evasione fiscale e corruzione tra i tanti) e rilanciare l’economia; c’è un dato che colpisce e che smentisce la bontà dell’altro suo cavallo di battaglia, quello al quale sta legando il suo futuro politico: l’indice di gradimento delle sue riforme politico-istituzionali.

Della riforma del Senato vedremo a ottobre che fine farà, anche se i primi indizi già rivelano come i No stiano crescendo nel Paese; per quanto riguarda invece l’altro pezzo delle grandi novità messe in campo dal premier, cioè la riforma elettorale, lo scarso gradimento di cui essa gode presso gli elettori è già evidente e clamoroso.

L’Italicum, con il premio di maggioranza assegnato alle lista con più voti, presuppone e auspica sostanzialmente un sistema politico bipartitico. Da noi invece vediamo come questa semplificazione sia lontana a vedersi. I risultati delle amministrative dimostrano anzi come il pluripartitismo sia connaturato con le esigenze dei cittadini, quasi un loro bisogno naturale.

Da cosa questo dipende sarebbe lungo spiegare in questa sede. E’ evidente invece che l’Italicum più che uno strumento di democrazia appare già come una camicia di forza per il nostro sistema. Assolutamente inadatto.

Morale: dopo oltre un trentennio di vane parole, anche le riforme elettorali e istituzionali renziane non paiono in grado di risolvere i problemi dell’ammodernamento del nostro sistema politico. Mentre un risultato l’hanno già ottenuto: quello di dividere il Paese, sempre più confuso, sempre meno appassionato alla politica.

Come l’alto tasso di astensioni collezionato alle amministrative bene dimostra. E di cui tutti faremmo bene a tenere conto.

@primodinicola

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le contestazioni a Renzi per gli 80 euro: nessuna sorpresa, quel bonus è uno schiaffo alla vera povertà

prev
Articolo Successivo

Ma quale spirito maggioritario: avanza l’Italia andreottiana buona solo per la politica dei due forni

next