Due accoltellati, un arresto, 71 denunce e altrettanti Daspo. Ancora una coda di cronaca nera dopo la finale di Coppa Italia disputata a Roma. Juventus-Milan era finita da un po’. La sconfitta della propria squadra del cuore e la conseguente amarezza hanno fatto il resto. E così un gruppo di un’ottantina di ultras del Milan ha pensato di vendicarsi. Mentre i pullman erano incolonnati nel traffico romano, i tifosi sono scesi dal mezzo e hanno assaltato un bar di Roma all’interno del quale c’erano alcuni tifosi juventini a brindare per la conquista del secondo titolo stagionale. Tutto è successo intorno all’una di notte, in un locale di via Leone IV, a Prati. Un raid durato pochi minuti: sono spuntati mazze e coltelli, che dopo l’assalto sono stati abbandonati sul posto e sequestrati dalle forze dell’ordine che indagano sull’accaduto. Si tratta di 7 coltelli e mazze di legno, rinvenuti nei pressi del luogo degli accoltellamenti, mentre all’interno di uno dei pullman è stata rinvenuta un’altra mazza di legno, vari cacciaviti, fumogeni, due ‘bomboni’, oltre ad hashish e marijuana.

Due persone – non si sa ancora se semplici avventori del bar o tifosi della Juve – sono state accoltellate e trasportate in gravi condizioni in ospedale: la prima è stata colpita al fianco e alle spalle, la seconda al costato. Sono state ricoverate al Santo Spirito e al San Camillo in codice rosso. Al momento non corrono pericolo di vita e per entrambi la prognosi è riservata. Subito dopo il commando è risalito sui bus per tornare a Milano, ma i mezzi sono stati bloccati dalla polizia, che ha controllato tre pullman, identificato tutti i 200 passeggeri e arrestato un 19enne. Quest’ultimo si chiama P.K. ed è accusato di tentato omicidio. Altri 71 tifosi milanisti sono stati denunciati e sottoposti alla misura del Daspo. Sono ancora in corso indagini da parte della polizia per individuare gli altri partecipanti all’aggressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Austria ancora contro l’Italia: “Non mantiene la parola. In arrivo 80 poliziotti al Brennero”

next
Articolo Successivo

Tre anni senza don Gallo, ecco tutte le iniziative per ricordare il prete di strada

next