Si scrive Watson, si legge Winston. Cosi’ alla fine Carrai, con incarico ufficiale o senza, si occuperà di big data che in gergo dei servizi vuol dire ficcare il naso nei dati dei cittadini. E qui il pensiero corre a Watson, la piattaforma tecnologica dell’Ibm che utilizza tecniche di elaborazione del linguaggio e sistemi di apprendimento per trovare e rivelare informazioni e relazioni estraendole da vaste quantità di dati non strutturati. Dai big data. Un gigaficcanaso digitale.

La battuta che circola è che più che Watson dovrebbe essere chiamato Winston (Winston Smith, per ricordare 1984). Watson è infatti l’oggetto dell’accordo riservato tra governo italiano ed Ibm, di cui si sa solo che impegna Ibm per 150 milioni ma il testo dell’accordo non e’ pubblico e quindi non si sa per farci cosa, ne’ quali altri costi siano compresi. Altro che Foia. Sarà tutto trasparente per Carrai ?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Comunali Roma, i casi Pizzarotti Nogarin non fermano la corsa di Virginia Raggi: “Nessuna perdita di consensi”

prev
Articolo Successivo

Legge Madia: se il carabiniere-volpe controlla il pollaio-forestale

next