Alla vigilia della riunione sulla prescrizione a Palazzo Madama per sbloccare il provvedimento, il Movimento 5 stelle ha fatto sapere di essere disposto a un accordo con i democratici. L’incontro tra gli esponenti della maggioranza e i due relatori del ddl Penale Felice Casson e Giuseppe Cucca (Pd) dovrebbe sbloccare la situazione dopo mesi di rinvii e dopo le polemiche dei giorni scorsi. I grillini ora però aprono un nuovo fronte, offrendo i loro voti per modificare in senso restrittivo la prescrizione.

Il ddl approvato alla Camera infatti prevede che la prescrizione si blocchi per due anni dopo la sentenza di colpevolezza di primo grado e per un anno dopo l’appello. Il M5s ha sempre chiesto che fosse invece interrotta già con il rinvio a giudizio dell’imputato. Ora i 5 stelle propongono una mediazione: “Se il Pd volesse proporre di interrompere la prescrizione”, hanno detto i deputati M5s Alessandro Di Battista e Alfonso Bonafede, “dopo la sentenza di primo grado potremmo anche votarla. Tutte le altre proposte del Pd, elaborate probabilmente alla luce dell’accordo con Verdini non hanno senso: allungare la prescrizione non ha senso, è un modo che può sempre essere utilizzato per aggirare la giustizia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, la nuova carica dei 102: tutti gli indagati, regione per regione

prev
Articolo Successivo

Simone Uggetti, “il bando truccato davanti a me”. Il racconto della funzionaria che ha denunciato il sindaco

next