Claudio Santamaria ha vinto il David di Donatello 2016 come miglior attore protagonista per Lo chiamavano Jeeg Robot. “Sono sempre molto negativo e quindi non ci speravo”, ha detto l’attore che si è presentato sul palco con un cappellino da baseball. Poi i saluti di rito: “Ringrazio la mia famiglia, quelli che hanno lavorato al film, quello che abbiamo conosciuto a Tor Bella Monaca e chi ci ha ispirato. Dedico questo premio a Graziella Bonacchi, la mia agente che oggi non c’è più. Ora faccio una cosa sulla quale non saresti stata d’accordo ma lo faccio lo stesso”. E a quel punto Santamaria si è tolto il cappellino mostrando una semi-pelata, con i capelli solo sui lati. Sta, infatti, girando un nuovo film e quello è il look del suo personaggio
(video tratto da Sky)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amber Heard, la moglie di Johnny Depp evita il carcere. La coppia si scusa con l’Australia in video

prev
Articolo Successivo

David di Donatello 2016, gaffe di Cattelan: omaggia Morricone, ma fischietta il brano di Micalizzi

next