La prima grande sorpresa della nottata è arrivata quando Patricia Arquette ha estratto la busta con il nome del vincitore nella categoria “Attore non protagonista”. Invece di Stallone, ecco sbucare l’eccellente Mark Rylance, la laconica spia Rudolf Abel de Il Ponte delle Spie. Premio ultrameritato. Rocky/Stallone in Creed sarebbe stato il trionfo della nostalgica mediocrità. Meglio così. “Spielberg gestisce tutto così con grande amore ed essere circondato da grandi maestri come Tom Hanks mi ha aiutato a vincere l’Oscar”, ha ringraziato Rylance, 56 anni dal Kent inglese.

Poi ancora il premio alla bella Alica Vikander per The Danish Girl come attrice non protagonista, e miglior abito della serata, come l’Oscar per l’attrice protagonista che va ad una non proprio travolgente 26enne alla prima nomination: Brie Larson per Room. Outsider che nemmeno Marlee Matlin nell’86 per Figli di un Dio minore. Vedremo come la californiana vestita da Campanellino se la caverà in futuro (sarà la nuova Jessica Lange nel nuovo King Kong) dopo aver ritirato l’Oscar con un’indifferenza e una totale mancanza di personalità come fosse alla cassa del supermercato.

Mark Rylance, winner of the Oscar for Best Supporting Actor for the movie "Bridge of Spies"

INDIETRO

Premi Oscar 2016, i vincitori: Leonardo DiCaprio miglior attore, Ennio Morricone trionfa con la colonna di The Hateful Eight (FOTO e VIDEO)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Leonardo DiCaprio & Kate Winslet Story. Dal successo di Titanic all’emozionante e lunghissimo abbraccio per l’Oscar

prev
Articolo Successivo

Oscar 2016, l’Academy scrive la sua agenda politica: dalla lotta alla pedofilia allo stop alle discriminazione LGTB

next