Standing ovation, invece per il grandissimo Ennio Morricone. 87 anni e finalmente l’Oscar come compositore della miglior colonna sonora grazie a The Hateful Eight. Quincy Jones felice come una pasqua ha consegnato la statuetta al commosso Morricone che con il figlio Andrea ha raggiunto lentamente il palco del Dolby Theatre: “Il mio pensiero va agli altri colleghi nominati tra cui lo stimato John Williams. Non c’è grande musica senza un grande film, grazie Quentin Tarantino per lo straordinario film che hai girato. Grazie ai fratelli Weinstein. Dedico questa musica (non l’Oscar ndr) a mia moglie Maria”.

Emozione enorme per Morricone e per l’Italia, come saranno emozionati dalla Teodora Film, che ha distribuito in Italia quello che da oggi è l’Oscar come miglior film straniero: Il figlio di Saul un eccezionale esordio-capolavoro. Il film ungherese è ambientato tutto all’interno delle camere a gas di un lager nazista. “Anche nei momenti più oscuri della storia dell’umanità ci può essere una voce che ci permette di restare umani. Questa è la speranza che spero di infondere con questo film”, ha affermato commosso il regista Lazslo Nemes.

morricone 675x675

INDIETRO

Premi Oscar 2016, i vincitori: Leonardo DiCaprio miglior attore, Ennio Morricone trionfa con la colonna di The Hateful Eight (FOTO e VIDEO)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Leonardo DiCaprio & Kate Winslet Story. Dal successo di Titanic all’emozionante e lunghissimo abbraccio per l’Oscar

prev
Articolo Successivo

Oscar 2016, l’Academy scrive la sua agenda politica: dalla lotta alla pedofilia allo stop alle discriminazione LGTB

next