A 22 anni dalla prima nomination agli Oscar con Buon compleanno Mr. Grape (1994), attore non protagonista of course, Leonardo DiCaprio ci riprova. Con il possibile Oscar da attore protagonista per The Revenant siamo arrivati alla sesta nomination, tra cui una pure come produttore (The Wolf of Wall Street).

La storiella, le gif, i filmati animati, i siti web appositamente nati, dove un orso, quello del bosco di Iñarritu, lo spinge, lo sprona, lo lancia verso l’agognata statuetta, sono oramai cresciuti quotidianamente come funghi. C’è solo un DiCaprio. E ci mancherebbe altro. Only the lonely. Quello lanciato come un giavellotto dal grizzly western verso l’Oscar mai vinto. Giusto un anno fa era l’attore più pagato di Hollywood: 25 milioni di dollari a film. Una miniera d’oro. Qualcuno ha scritto che quando DiCaprio vuole che un film si faccia non solo si fa ma viene anche visto da una marea di gente. Classe ’74, all’anagrafe californiana fa Leonardo perché mamma stava guardando la Gioconda quando le diede il primo calcio. Per gli amici, e soprattutto le amiche top model che frequentano con un’assiduità i materassi ad acqua del suo edificio newyorchese ecosostenibile, è più semplicemente Leo.

leonardo dicaprio giovane 675

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Fuocoammare’, anche la canzone è un gioiello prezioso

prev
Articolo Successivo

Oscar 2016, Ennio Morricone e gli altri. L’87enne maestro favorito per la colonna sonora di The Hateful Eight

next