Prima della grande notte e mentre a Los Angeles già iniziati i preparativi il mondo dei bookmaker dice la sua su candidati. I pronostici fanno parte dell’atmosfera di ogni grande evento. Per gli Oscar 2016 i nomi di alcuni favoriti sono già online e tra questi c’è quello del maestro Ennio Morricone. “L’Oscar è – ha detto il musicista sei volte candidato – come un terno al lotto”. Il suo Oscar alla carriera è già arrivato, ma è dal 1979 con I giorni del cielo che l’artista italiano ci prova. A seguire arrivò la nomination per Mission nel 1987 e Gli Intoccabili l’anno successivo. Altre candidature arrivarono nel 1992 con Bugsy e nel 2001 con Malena, fino ad arrivare al premio alla carriera che nel 2007 gli consegnò Clint Eastwood.

La colonna sonora di The Hateful Eight di Quentin Tarantino è favorita per la statuetta, dopo la vittoria del Golden Globe e dei Bafta, gli Oscar del cinema britannico. La colonna sonora, riporta Agipronews, è piaciuta ai quotisti di PaddyPower.it che offrono il premio a Morricone a 1,18, davanti a John Williams, candidato per Star Wars – Il risveglio della forza, a 4,50. Lontanissimi gli altri: Thomas Newman per Il ponte delle spie è a 20 volte la scommessa, Carter Burwell per Carol segue a 26 e Jóhann Jóhannsson per Sicario chiude il tabellone a 50.

Oscar 2016, Ennio Morricone favorito per i bookmaker. E quest’anno potrebbe essere la volta buona per Stallone

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

El Club, i preti pedofili, corrotti e alcolizzati di Pablo Larraìn. “Il Vaticano non colpirà il mio film. Gli farebbe promozione”

next
Articolo Successivo

Fuocoammare, a Berlino ho applaudito un nuovo cinema politico

next