Una mostra al Vittoriano a Roma per celebrare la vita artistica del regista Tinto Brass. “Ho passato più tempo nei tribunali, a causa della censura, che dietro la macchina da presa”, rivela il maestro che nei suoi film ha sempre messo alla prova il senso comune. E se qualche anno fa aveva espresso il desiderio di girare un film con l’ex ministro della Pubblica istruzione del governo Berlusconi, Mariastella Gelmini, oggi Brass guarda al governo Renzi: “Farei volentieri un film con Maria Elena Boschi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2016, Caccamo-Iurato, un terzo posto per due: “Le critiche ci fanno più forti”

prev
Articolo Successivo

Petaloso, tutti pazzi per la parola inventata da Matteo (8 anni). La Crusca: “Chiara e bella”. Treccani: “Usiamola nelle poesie”

next