Una mostra al Vittoriano a Roma per celebrare la vita artistica del regista Tinto Brass. “Ho passato più tempo nei tribunali, a causa della censura, che dietro la macchina da presa”, rivela il maestro che nei suoi film ha sempre messo alla prova il senso comune. E se qualche anno fa aveva espresso il desiderio di girare un film con l’ex ministro della Pubblica istruzione del governo Berlusconi, Mariastella Gelmini, oggi Brass guarda al governo Renzi: “Farei volentieri un film con Maria Elena Boschi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, Luxuria vs M5S: “Il supercanguro? Una scusa per non votare il ddl Cirinnà, penosi”

next
Articolo Successivo

“La legge Cirinnà spiegata ai bambini”: la parodia della ‘Casetta in Canadà’ con lieto fine

next