In principio fu un’opera teatrale, ora è una storia in stop motion. Anomalisa, candidato agli Oscar 2016, è il secondo film da regista di Charlie Kaufman co.regia di Duke Johnson, sceneggiatore di opere come Se mi lasci ti cancello ed Essere John Malkovich. Prodotto anche grazie al crowdfunding su Kickstarter (quasi 500mila dollari raccolti dai 5770 sostenitori) era stato molto ben accolto sul Lido vncendo il Gran Premio della giuria al Festival di Venezia. Arriva il 25 febbraio in sala con Universal a pochi giorni dall’assegnazione delle statuette da parte dell’Academy.

Protagonista della storia è “l’oratore motivazionale” di nome Michael (con la voce di David Thewlis) che, mentre sprona gli altri svuota inevitabilmente se stesso. Arrivato in un albergo di Minneapolis, che non a caso si chiama Hotel Fregoli (con riferimento alla sindrome nota in psicoanalisi), cerca tra mille impacci, fraintendimenti e depressioni di trovare un’occasionale compagnia per la notte.

Dopo un tentativo fallito con una sua ex che non vede da dieci anni, incontra per caso, proprio nel suo albergo, Lisa (Jennifer Jason Leigh). In un mondo in cui tutto è troppo uguale lei è un’anomalia anche per la sua la voce particolare e per un candore che riesce a trasmettergli la voglia di tornare a vivere. “Volevo che fosse per adulti – dice Charlie Kaufman nel video per il Fatto.it – .Volevo che fosse reale e avesse una componente emotiva”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Berlino, Rosi: “Questo Orso d’oro mi carica di una enorme responsabilità nei confronti della tragedia in corso dei migranti”

prev
Articolo Successivo

Oscar 2016, scontro tra titani per il miglior direttore della fotografia: tra luce naturale, sfumature e variazioni cromatiche

next