GELATERIA BEDUSSI

Non capita tutti i gioBEDUSSIrni che un professionista come Enrico Crippa ti chieda di creare un panettone per lui. Francesco Bedussi, 28 anni, dopo uno stage nel Ristorante tre stelle Michelin Piazza Duomo ad Alba continua collaborare con lo chef. Nel lievitato richiesto da Crippa ci sono la pasta di nocciole, le nocciole sminuzzate delle Langhe, la torta di nocciole dello chef, canditi e uvetta. Si chiama Duomo ed è un panettone che evoca nella sua totalità il territorio Langhe. “E’ stata una grande soddisfazione per me- spiega Francesco Bedussi-abbiamo dovuto lavorare molto sugli ingredienti, soprattutto sulla pasta di nocciole all’interno del panettone. E’ tutto un equilibrio di consistenze e sapore”.

Varietà: Panettone classico; cioccolato e noci; Duomo.

Prezzo: 35 euro al chilo, 40 euro con confezione a sfera

Dove è possibile acquistarlo: Via Crocifissa di Rosa 113, Brescia

Sito: www.bedussi.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale 2015, i menù degli chef. Diego Rossi: “Vorrei mangiare la polenta e useletti che mi faceva mio nonno”

next
Articolo Successivo

Natale 2015, libri di cucina da regalare: sedici suggerimenti per aspiranti cuochi (e non solo)

next