Ha perso una ruota durante il decollo. E’ successo questa mattina a un aereo, un Boeing 737 della Meridiana, partito dall’aeroporto Fontanarossa di Catania e diretto a Milano Linate con 90 passeggeri a bordo. La ruota posteriore esterna è caduta sulla spiaggia della Plaia, molto affollata d’estate ma deserta durante la stagione invernale. Per questo, l’incidente non ha provocato danni né a cose né a persone. Nessun problema neanche per il velivolo che è tornato a Catania e ha compiuto un atterraggio di emergenza perfettamente riuscito.

I passeggeri del volo non si sono accorti di nulla: il comandante ha comunicato che sarebbero rientrati a Fontanarossa per un guasto tecnico senza che si creasse il panico. 78 di loro sono ripartiti per Milano alle 12.15 con un aereo di un’altra compagnia. Gli altri decolleranno alle 15 e a tutti è stata offerta l’assistenza prevista in questi casi. Lo scalo internazionale di Catania è stato invece chiuso per circa mezz’ora dopo l’atterraggio di emergenza e due voli sono stati dirottati a Palermo. La Meridiana, intanto, si è messa subito a disposizione dell’Ente nazionale dell’aviazione civile per facilitare gli accertamenti sull’incidente. Il procuratore di Catania, Michelangelo Patanè, ha aperto un fascicolo sull’episodio. Mentre l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha avviato un’inchiesta “per inconveniente grave”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carceri, l’evasione di uno basta a mettere in discussione un modello che funziona?

prev
Articolo Successivo

Novara, uomo ucciso a calci e pugni: corpo abbandonato nel bosco

next