La Germania prenderà parte ai raid in Siria in chiave anti-Isis. Il Bundestag ha approvato ad ampia maggioranza l’intervento militare: sui 598 presenti hanno votato a favore 445 deputati, mentre 146 sono stati i voti contrari e 7 gli astenuti. A favore del dispiegamento di 6 caccia Tornado, di un Airbus cisterna, di una fregata della Marina e dell’invio di 1.200 soldati hanno votato i partiti della coalizione di governo, l’alleanza Cdu-Csu della cancelliera Angela Merkel, e l’Spd, mentre tutta l’opposizione in blocco ha votato contro.

Secondo quanto deciso dal governo, la partecipazione alla missione contro l’Is sarà di un anno e costerà 134 milioni di euro. I Tornado condurranno operazioni di ricognizione, in supporto ai caccia statunitensi e francesi impegnati nei bombardamenti contro le postazioni dello Stato islamico, mentre la fregata interverrà a protezione della portaerei francese Charles de Gaulle da cui partono i caccia per i raid. Il voto arriva a due giorni da quello della Camera dei comuni britannica, che ha dato il via libera al piano del governo di David Cameron per i bombardamenti in Siria.

Il 25 novembre la Merkel aveva incontrato il presidente della Repubblica francese François Hollande: quest’ultimo aveva chiesto maggiore impegno militare e Berlino aveva promesso un sostegno in Mali. e la cancelliera aveva promesso l’invio di 650 soldati tedeschiLa decisione di inviare i Tornado è stata presa presa durante un incontro fra la cancelliera e i ministri tenuto il 26 novembre cui avevano partecipato fra gli altri il ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier e la ministra della Difesa Ursula von der Leyen: “Senza un confronto militare con l’Isis non usciremo dalla situazione in Siria”, aveva detto Steimeier – non abbiamo solo un sentimento di compartecipazione, siamo solidali”. “Non possiamo stare a guardare mentre l’Isis si rafforza”, aveva spiegato la Merkel che, parlando ad una riunione del gruppo parlamentare dell’Unione, aveva definito “necessario” l’intervento militare tedesco contro Isis.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Londra, allarme dei servizi: “Minaccia Isis concreta dopo l’avvio dei raid in Siria”

prev
Articolo Successivo

Strage di San Bernardino, 24 ore dopo il Senato Usa boccia 3 emendamenti che rafforzano i controlli sulle armi

next