Le ruspe ormai lavorano da tempo per costruire un iperstore a Torpignattara, quartiere popolare di Roma, ma i residenti, dopo aver presidiato per mesi il cantiere e aver recuperato le carte che – secondo loro – presenterebbero alcune anomalie riguardo i permessi legati ad alcuni vincoli, come già raccontato da ilfattoquotidiano.it, ora hanno deciso di bloccare il cantiere. “Visto che le istituzioni non ci ascoltano – spiega Enzo De Martino del coordinamento ‘No Cemento Roma Est’ – abbiamo deciso questa azione estrema. Dopo aver scoperto i lati oscuri di questa vicenda, abbiamo anche consegnato una relazione al prefetto di Roma, Franco Gabrielli. Ora abbiamo anche scoperto che uno dei tre dirigenti indagati per lo scandalo delle multe nella Capitale, scoppiato qualche giorno fa a Roma, è uno dei funzionari responsabili dello scempio che vogliamo impedire. Questo – conclude De Martino – è un ulteriore elemento per sospendere i lavori e fare chiarezza su questa istruttoria piena di anomalie. Non ci muoviamo da qui finché non bloccheranno i lavori”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cop 21 a Parigi, quale futuro ci attende?

prev
Articolo Successivo

Texas, multa da 42 milioni di dollari per i petrolieri

next