Il primo blitz dell’inchiesta è datato 12 novembre, un giorno prima degli attentati di Parigi. Il 26 novembre, due settimane dopo, il gip di Trento, Giuseppe Forlenza, ha firmato l’ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere nei confronti di dieci presunti terroristi jihadisti attivi a Merano. Secondo il gip, volevano instaurare un califfato al posto del governo eletto del Kurdistan e per farlo avevano progettato attentati terroristici in Europa.. Nel primo blitz, i carabinieri del Ros avevano arrestato 17 appartenenti alla cellula, ‘Rawti Shax‘. Un appartamento funzionava come una vera e propria centrale operativa: venivano organizzati incontri, riunioni e lezioni di jihad. Il 19 novembre, la scarcerazione di sette dei fermati aveva suscitato polemiche: “Non c’erano indizi gravi”, aveva spiegato il procuratore di Trento Giuseppe Amato.

L’ordinanza di oggi ha confermato l’arresto per gli altri altri dieci. Tra loro c’è anche l’iracheno Faraj Ahmad Najmuddin, noto come Mullah Krekar, fondatore nel 2001 del gruppo terroristico Ansar Al-Islam. Nonostante fosse detenuto in Norvegia, ha continuato a rappresentare la guida ideologica e la direzione strategica dell’organizzazione. Tra le decisioni più importanti prese dal gruppo l’alleanza con l’Isis e la partecipazione al conflitto siriano. Rimane in carcere a Trento anche il curdo-iracheno Abdul Rahman Nauroz: secondo l’accusa era il capo della cellula di Merano.

E proprio da quell’appartamento in Alto-Adige sono emerse alcune intercettazioni ambientali poco equivocabili: “E’ buono morire per Allah, qualsiasi cosa io faccia per Allah è come se non avessi fatto abbastanza”. E ancora: “Quando verrò ammazzato i miei figli saranno fieri (…), non avrò pace fino a che non ucciderò qualche ebreo – per poi aggiungere – sarà bello quando Mullah Omar verrà a trovarci tra le montagne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vatileaks 2: un processo medioevale?

prev
Articolo Successivo

Evasione fiscale record: sequestro da 127 milioni a imprenditore che ne dichiarava 12mila

next