“Farò parlare Massimo Carminati, stavolta è intenzionato a difendersi in modo diverso dal solito perché vuole chiarire un sacco di cose e credetemi lo farà sicuramente”. Così l’avvocato Bruno Giosuè Naso, difensore dell’ex Nar ritenuto dalla procura il capo della presunta organizzazione nota come Mafia Capitale da oggi alla sbarra a Roma per il processo. “Di tutta questa storia a Carminati ha dato particolarmente fastidio il fatto che il suo nome sia stato accostato alle parole mafia e droga – sottolinea il legale -. Con la mafia non c’entra proprio nulla e la droga gli fa veramente schifo. E non parliamo delle armi che non sono mai state trovate”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia capitale, via al processo: dai Nar alle coop rosse, in aula la piovra di Roma

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, Povia si presenta in tribunale per promuovere coi cronisti il suo ultimo disco

next