Tensione e fermi all’Università La Sapienza per una protesta di studenti in concomitanza di Maker Faire, la fiera degli artigiani digitali. Gli studenti, una settantina, si erano radunati fuori piazzale Aldo Moro protestando contro il fatto che “l’ateneo era stato chiuso per la manifestazione e non ci facevano entrare”. “Ci hanno caricato e disperso con l’uso degli idranti solo perché volevamo entrare nella nostra università”, hanno detto i manifestanti. Diversa la versione della Questura di Roma: “Gli studenti sono avanzati in direzione dell’Università. Poi un gruppo di facinorosi, nonostante i ripetuti bonari tentativi di dissuasione da parte dei funzionari di Pubblica sicurezza presenti sul luogo, hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell’ordine che hanno respinto il tentativo”. Cinque di loro sono stati fermati. Tutto è stato ripreso dalla videocamere della polizia scientifica
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, dipendente e imprenditore dell’azienda Bozzoli scomparsi nel nulla a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro

next
Articolo Successivo

Roma, il ‘mistero’ della Fiat Coupè in divieto da mesi. Segnalazione al Fatto: “E i vigili?”

next