soru 675

Pensavo di essere abbastanza scafato da non stupirmi più di ciò che possono fare o dire i politici. E invece no. Ci riescono ancora. A stupirmi, voglio dire.
Di Renato Soru noi ambientalisti abbiamo sempre avuto una buona opinione, nonostante fosse un rappresentante del Pd. Questo grazie a quel piano paesaggistico da lui fortemente voluto e difeso anche all’interno del suo partito quando era presidente della regione sarda. Piano che prevedeva, tra l’altro, il divieto di edificazione nella fascia di 300 metri dalla battigia. Finalmente ci si diceva: “E’ ora che la Sardegna tuteli quel che resta di intatto delle sue magnifiche coste”.

Opinione su Soru rimasta intatta fino a quando un articolo de Il Fatto Quotidiano di ieri non ha svelato che lo stesso Soru con suo fratello realizzerà la bellezza di 50 (diconsi “cinquanta”) ville in regione Funtanazza, un angolo di paradiso a circa 90 chilometri da Cagliari dove sorge, fronte mare, una fatiscente colonia marina risalente agli anni cinquanta dello scorso secolo. Insomma, un tipico caso di “falce e cemento”.

Ma come è possibile, vi chiederete voi, visto il persistente divieto del piano paesaggistico? E’ possibile, è possibile, sentite qua. Il Piano prevede infatti una piccola eccezione: è si vietato costruire ex novo, ma fatto salvo il caso del rispetto delle precedenti cubature. Cosa che appunto accade nel progetto dei Soru: si demolisce per poi ricostruire, altrove. Da notare che acquistarono i terreni e l’edificio in regione Funtanazza nel 2003 e Soru divenne presidente della Regione nel 2004. Ricordate cosa disse Andreotti sul pensar male?

Aggiungo due elementi. Il primo: il piano Soru è un piano di recupero e valorizzazione. Non mi stancherò mai di sottolineare. Quando su un cartello di cantiere vedete la parola “valorizzazione”, se amate la natura, aspettatevi il peggio. Valorizzazione sottintende che la natura ha un valore solo se è snaturata e allora via col cemento. Il secondo: l’edificio della Funtanazza era destinato ad ospitare i figli dei lavoratori di una società mineraria: era una colonia. Ora verranno realizzate dai Soru delle villette a cinque stelle. Anche questo (o solo questo?) sono i rappresentanti del partito sedicente democratico oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discariche, acqua, beni comuni: le ragioni del no

next
Articolo Successivo

Soppressione Forestale. Sindacati: “Via unica forza polizia contro ecomafie”

next