Italia spaccata a metà per due ore. E’ stata infatti interrotta come previsto alle 9.30 la circolazione lungo l’Autostrada del Sole, tra i caselli di Orte (Viterbo) e Attigliano, per permettere le operazioni di disinnesco e brillamento della bomba d’aereo britannica della Seconda Guerra Mondiale, 500 libbre di peso (circa 220 kg), ritrovata nei giorni scorsi nel Comune laziale, a poche centinaia di metri dall’A1.

In particolare sono stati chiusi i tratti Orte-Attigliano in direzione nord e Orvieto-Orte verso sud. Il blocco dell’A1 è durato poco più di due ore. La riapertura era prevista per le 12 ma è stata anticipata alle 11 e 15. Oltre alla chiusura dell’autostrada, su ordinanza della prefettura di Viterbo, dalle 10 alle 12 è stata sospesa anche la circolazione dei treni sulla linea ordinaria che collega Firenze a Roma. Nessun problema, invece, per la linea direttissima tra le due città.

Nelle operazioni di disinnesco coordinate dalla prefettura di Viterbo, è impegnato un team di artificieri del 6° Reggimento Genio Pionieri dell’Esercito competente per le regioni Lazio, Umbria e Abruzzo. “Negli ultimi dieci anni, sono oltre 30.000 gli ordigni disinnescati sul territorio italiano”, sottolinea all’Adnkronos il tenente Vittorio Martino, del Genio Esercito. Nel raggio di 700 metri dal luogo di ritrovamento della bomba, prosegue, “è stata evacuata la popolazione”, mentre tra i 700 e i 1.700 metri, “è possibile rimanere in casa, ma lontani da porte e finestre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marò: ‘Non ritornano? Sospendiamo l’annunciatrice indiana della Rai’

next
Articolo Successivo

Valle dei Templi, demolisce struttura abusiva per non pagare spese al Comune

next