“Non è giusto che qualcuno non abbia diritto all’assistenza sanitaria. Quando vediamo un cane o un gatto che soffre facciamo qualsiasi cosa, e per gli esseri umani?”: lo sdegno per la gestione della sanità in Grecia è ben riassunto dalle parole di Vasiliki Iliopoulou, tra le fondatrice della clinica sociale metropolitana del quartiere Elleniko, ad Atene. Si tratta di una delle quaranta strutture che offrono assistenza sanitaria a tutti coloro che non possono permettersi di andare dal medico: anziani con una pensione molto bassa, o giovani disoccupati con malattie di lunga durata che richiedono farmaci costosi. “Tutti gli strumenti che vedete qui, così come i medicinali sono stati donati dalle persone o dalle aziende”, spiega la volontaria. Ma a parlare sono i numeri del registro delle visite: in soli quattro giorni, dal 1 luglio, sono stati visitati più di un centinaio di pazienti  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, ecco la ‘Ley Mordaza’: vietato manifestare se la polizia non vuole

next
Articolo Successivo

Tunisia, governo diviso tra emergenza terrorismo e conflitti sociali interni

next