“Non è giusto che qualcuno non abbia diritto all’assistenza sanitaria. Quando vediamo un cane o un gatto che soffre facciamo qualsiasi cosa, e per gli esseri umani?”: lo sdegno per la gestione della sanità in Grecia è ben riassunto dalle parole di Vasiliki Iliopoulou, tra le fondatrice della clinica sociale metropolitana del quartiere Elleniko, ad Atene. Si tratta di una delle quaranta strutture che offrono assistenza sanitaria a tutti coloro che non possono permettersi di andare dal medico: anziani con una pensione molto bassa, o giovani disoccupati con malattie di lunga durata che richiedono farmaci costosi. “Tutti gli strumenti che vedete qui, così come i medicinali sono stati donati dalle persone o dalle aziende”, spiega la volontaria. Ma a parlare sono i numeri del registro delle visite: in soli quattro giorni, dal 1 luglio, sono stati visitati più di un centinaio di pazienti  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spagna, ecco la ‘Ley Mordaza’: vietato manifestare se la polizia non vuole

prev
Articolo Successivo

Tunisia, governo diviso tra emergenza terrorismo e conflitti sociali interni

next