Cinque rapinatori armati e con volto coperto hanno svaligiato un furgone dei Monopoli di Stato e sequestrato l’autista a Termoli (Campobasso). Intorno alle sei e mezzo hanno affiancato il mezzo e hanno rubato l’interno carico: 900 chili di sigarette del valore di diverse centinaia di migliaia di euro. I carabinieri hanno avviato le indagini e hanno disposto posti di blocco per intercettarli. L’autista del furgone era appena uscito dal deposito per consegnare le sigarette ai rivenditori, quando un’auto scura, di grossa cilindrata, si è affiancata. Dentro la vettura i rapinatori che, pistole contro, gli hanno ordinato di guidare verso un capannone. Una volta arrivati a destinazione, una parte del commando ha svuotato il furgone e caricato sulle auto le stecche di sigarette. Prima di ripartire, i cinque hanno sequestrato l’autista del furgone e hanno caricato anche lui sul mezzo, dove è rimasto circa due ore per poi essere rilasciato sulla ss 16, nelle campagne di Chieuti (Foggia), al confine tra Puglia e Molise. Il guidatore ha raggiunto a piedi un’area di servizio e da lì ha chiamato le forze dell’ordine. I carabinieri hanno recuperato il mezzo dei Monopoli di Stato, completamente vuoto, ma non hanno trovato i cinque rapinatori. I militari hanno disposto posti di blocco non soltanto nella provincia di Termoli, ma anche ai confini della regione. L’autista ha dichiarato di non essere stato maltrattato o picchiato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enciclica Laudato si’, Bergoglio: “Non è intoccabile il diritto a proprietà privata”

next
Articolo Successivo

Suora patteggia pena pecuniaria di 2mila euro: aveva prodotto genziana in convento

next