“Sono due anni che protestiamo e non ce ne andremo da qui finché non riavremo il nostro lavoro”. Le 595 addette alla pulizie di tutte le sedi del ministero dell’Economia sono state licenziate in blocco a settembre del 2013. Oggi il governo Tsipras celebra i suoi primi 100 giorni, per queste donne è la mattina numero 365 da quando hanno allestito un presidio permanente davanti al ministero, a due passi da piazza Syntagma. “Tsipras ha promesso che ci avrebbe ridato il nostro lavoro, è la nostra unica speranza”, spiega Patricia Alvarez cilena, ma da 25 anni in Grecia, metà dei quali passati lavorando con scope e guanti al dicastero. Il primo ministro ellenico ha già pronta una legge per riassumerle tutte, ma Ue e Bce chiedono una riforma del mondo del lavoro lacrime e sangue. Ristrutturazione necessaria per garantire a Tsipras i trasferimenti di cui le casse statali hanno disperatamente bisogno per evitare il default  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Londra: Bishopsgate, la strada dove siamo tutti immigrati

prev
Articolo Successivo

Cade albero nel parco giochi, due bambini feriti. Lo schianto nel video della sorveglianza

next