File lunghissime questa mattina ai due ingressi del Palazzo di Giustizia di Napoli, quella del Centro direzionale e di Piazza Falcone e Borsellino per le nuove disposizioni di sicurezza disposte dopo la strage di Milano dove Claudio Giardiello ha ucciso tre persone.

L’attesa per entrare si è protratta per molto tempo creando forti disagi per le attività giudiziarie: numerose udienze sono iniziate con notevoli ritardi. Avvocati, testimoni, consulenti e imputati sono stati controllati all’ingresso prima di entrare nelle aule.

Intanto al Palazzo di Giustizia di Milano oltre alle guardie giurate sono presenti anche carabinieri e militari dell’esercito agli ingressi. Come era già accaduto il giorno successivo alla strage e nel corso del fine settimana, sono stati rafforzati i controlli agli accessi del tribunale.

In particolare, nell’ingresso di via Manara, da dove sarebbe entrato Giardiello armato di pistola, oltre alle guardie giurate c’è anche un carabiniere che presidia. La stessa cosa avviene all’ingresso di via Freguglia, mentre davanti all’accesso di via San Barnaba è presente un mezzo dell’esercito e 2 militari si sono piazzati appena fuori dall’entrata armati di mitra. Stamani, in ogni caso, malgrado i controlli dei tesserini siano più accurati e le verifiche più stringenti, non si sono create le code che si erano viste venerdì scorso in particolare davanti all’ingresso principale di corso di Porta Vittoria.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrada Palermo-Catania, procura apre inchiesta su cedimento del pilone

next
Articolo Successivo

Palermo-Catania, frana monitorata da dieci anni. “Ma nessun intervento”

next