“Speriamo che il 2013 sia un anno pieno di monnezza, profughi, immigrati, sfollati, minori, piovoso così cresce l’erba da tagliare e magari con qualche bufera di neve: evviva la cooperazione sociale”. Capodanno 2013, ore 14.19. Salvatore Buzzi, l’uomo delle cooperative rosse, arrestato nell’ambito dell’inchiesta “Mafia capitale”, augurava così buon anno ad alcuni amici con un sms. Come riportato da il Corriere della Sera, tra questi c’era anche Angelo Scozzafava, a quel tempo direttore del dipartimento Promozione dei servizi sociali e della salute del Campidoglio.

Quattro mesi dopo, il 20 aprile 2014, Buzzi intercettato dai carabinieri del Ros ripeteva il concetto. “Noi quest’anno”, diceva al telefono con un altro indagato parlando del business del sociale, “abbiamo chiuso… con quaranta milioni di fatturato ma tutti i soldi; gli utili li abbiamo fatti sui zingari, sull’emergenza alloggiativa e sugli immigrati, tutti gli altri settori finiscono a zero”. Secondo quanto riportato nelle pagine dell’ordinanza che ha svelato la ‘cupola’ di affari e politica e portato in carcere 37 persone, Buzzi, ha gestito tramite di una rete di cooperative, “le attività economiche della associazione nei settori della raccolta e smaltimento dei rifiuti, della accoglienza dei profughi e rifugiati, della manutenzione del verde pubblico e negli altri settori oggetto delle gare pubbliche aggiudicate anche con metodo corruttivo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, Cantone: “Prescrizione lunga” Pignatone: “Premiare chi collabora”

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, Rebibbia 1982: Carminati, Buzzi e Alemanno dividevano la galera

next