“Siamo tutti colpevoli di resistere, libertà per i No Tav“. Questo lo striscione che ha aperto la manifestazione del movimento valsusino per le strade del centro di Torino. A pochi giorni dalla sentenza che manda in prescrizione il processo Eternit, lasciando di fatto senza colpevoli oltre tremila vittime, il movimento NoTav scende in piazza per portare solidarietà ai quattro ragazzi in carcere ormai da quasi un anno con l’accusa di terrorismo. Per i quattro attivisti sono stati chiesti oltre nove anni di reclusione, la sentenza è prevista per Dicembre  di Stefano Bertolino e Francesco Moroni Spidalieri

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lainate, i comitati e M5s: ‘Per fare la strada per Expo mettono a terra due imprese’

next
Articolo Successivo

Prevenzione incidenti rilevanti, Toscana richiama all’ordine 22 aziende su 29

next