“Continuano a pensare che tutto questo sia
 roba da addetti ai lavori. E, quando devono criticare il governo, dicono ‘lui pensa che governare sia usare un tweet‘ e che la politica seria non ha a che fare con questo”. Così Matteo Renzi, al Tempio di Adriano, in Piazza di Pietra a Roma per la presentazione 
del ‘Digital champions‘, inizia il suo intervento e parla della sua passione social. “Mi dicono – spiega Renzi – che sono un premier smanettone, ma non è questo il punto. Bisogna consentire a tutti di capire e, mettere on line le spese, è la più grossa spending review che si possa fare”. Poi Renzi manda il suo messaggio di ottimismo: “Basta col clichè che l’Italia sia un insieme di 
sfighe e basta col dire che va tutto bene. Bisogna cambiare le cose che non vanno, con la consapevolezza delle qualità che ci sono in Italia. Così anche lo straordinario passato impallidirà. Il mio compito è dimostrare che l’Italia può rimettersi in moto”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs Act, Damiano (Pd): “Pronto a votare la fiducia. Sacconi soddisfatto? Mi fa piacere”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Contro di me più scioperi che in tutti gli altri governi”. Ma non è vero

next