Il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, chiede: “Come mai fino a qualche tempo fa le parole dei pentiti erano prese come oro colato? Quanto è labile il confine tra pentito ed informatore?”. E puntualizza: “I pentiti sono pericolosi perché, anche da quanto emerge da questa trasmissione, tra servizi segreti e magistratura c’è una feroce guerra in alcuni casi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Martelli: “Il protocollo Farfalla”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio: “I servizi segreti non possono incontrare detenuti senza informare magistrati”

next