Un vero e proprio mercato nero di farmaci veterinari. Una operazione condotta da 900 carabinieri dei Nas e dall’Arma territoriale, partita da Cremona e che ha interessato nove province d’Italia (oltre a Cremona, Mantova, Bergamo, Verona, Brescia, Parma, Piacenza, Rovigo e Ragusa), ha portato alla luce un traffico illecito di medicinali, somministrati ai bovini per aumentarne fino al 20% la produzione di latte. Somatropina bovina, in particolare, è il nome del farmaco sequestrato in dosi massicce, oltre ad altre sostanze provenienti da Paesi extra Ue prive di prescrizioni e di registrazioni, vendute ad allevatori in siringhe e flaconi, pronte per essere somministrate ad animali.

Il bilancio dell’operazione: 48 decreti di perquisizione di cui 31 in allevamenti intensivi, che ospitano 15-20mila capi di bestiame da latte. L’indagine, avviata dal Nas di Cremona sei mesi fa, è stata coordinata dal sostituto Ambrogio Cassiani della procura della Repubblica di Brescia. Procura che ha emesso decreti anche nei confronti di sette indagati ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata al commercio e somministrazione di medicinali veterinari di provenienza illecita. I militari hanno altresì eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un medico veterinario, libero professionista, il quale, insieme agli altri indagati – professionisti del settore zootecnico – è stato trovato in possesso di una quantità ingente di farmaci veterinari privi di registrazione e autorizzazione all’immissione in commercio: due quintali circa di specialità medicinali comunitarie ed extracomunitarie, 20 chilogrammi di polvere anonima, verosimilmente antibiotico, e 500 confezioni di farmaci di provenienza extra Unione europea.

L’indagine ha permesso di far luce su un vasto traffico illecito di somatotropina bovina, triangolata da paesi extra UE e venduta insieme ad altri farmaci veterinari, provenienti dal “mercato nero”, irregolarmente introdotti in Italia, che servivano a far aumentare, come detto, fino al 20% la produzione di latte del bestiame trattato. Le perquisizioni eseguite all’interno di aziende commerciali e zootecniche hanno portato al sequestro di 16 allevamenti, 4.079 capi di bestiame, 55 chilogrammi di sostanze farmacologicamente attive (tipo aspirina ed antibiotici) illegali e da sottoporre ad analisi, centinaia di confezioni medicinali veterinari irregolari, registri di carico e scarico di farmaci veterinari irregolarmente compilati. Nonché 80mila litri di latte sottoposti a vincolo sanitario per un valore stimato di 30 milioni di euro. Complessivamente le persone deferite all’autorità giudiziaria sono 26.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto, “non si fanno le bonifiche e aumenta diffusione del mesotelioma”

next
Articolo Successivo

Sblocca Italia, Realacci perché hai votato sì?

next