Giovanni Cafaro, 42 anni, milanese d’adozione ha deciso di sconfiggere la crisi inventandosi un lavoro nuovo. Dopo essere stato licenziato dall’azienda dove lavorava trasferita all’estero, decide di non darsi per vinto e si inventa un nuovo mestiere: il codista. “Il tempo è denaro – dichiara Cafaro a microfoni de ilfattoquotidiano.it – e chi non ne ha può commissionare a me le pratiche più noiose: dal pagare una multa a cambiare una residenza. Il tutto per 10 euro l’ora regolarmente fatturato”. I suoi clienti sono liberi professionisti, ma anche anziani o disabili. “E’importante credere in se stessi e non mollare, si può ricominciare anche in tempi di crisi come questi”. Con richieste da tutta Italia, ora Giovanni punta ad allargare la sua attività e forma nuovi aspiranti codisti  di Sara Giudice

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, sciopero dipendenti Eataly: “Farinetti santone? No, squalo capitalista”

prev
Articolo Successivo

Fiat e lavoro: il prof. Marchionne ci insegna a vivere

next