Si chiude ufficialmente l’era di Vasco Errani (Pd), che dopo tre mandati da governatore lascia la guida della Regione Emilia Romagna in seguito alla condanna a un anno per falso ideologico. Oggi l’ex presidente ha salutato l’assemblea legislativa, rompendo il silenzio che durava dal giorno della sentenza. “Ribadisco la mia fiducia nella magistratura e nella giustizia senza se e senza ma” ha detto nella prima parte del suo addio. “Non ho fatto alcun falso ideologico e confido che questo emergerà con chiarezza”. E poi ha aggiunto: “Non voglio nascondere il mio dolore e la mia amarezza, ma non avrò mai nostalgia di una poltrona perché il problema non è in una poltrona”. Infine si è detto “orgoglioso di quello che ho fatto“, ringraziando le “prefetture, gli organi religiosi, gli operatori della comunicazione e la società per il dialogo schietto e mai opportunistico”. Il discorso, pronunciato davanti a consiglieri, giunta e diversi sindaci, compresi quelli dei comuni terremotati, è durato poco più di 35 minuti e si è concluso con una standing ovation, a cui si sono uniti anche alcuni esponenti della minoranza di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casta, M5S: “A Montecitorio si possono fare tagli per 170 milioni di euro”

next
Articolo Successivo

Riforme, Mineo (Pd): “Renzi non vuole tagliare deputati, già pensa ad elezioni”

next