Hanno scelto il Lago Maggiore per esibirsi quest’anno. Sono gli over cinquantenni che da tre giorni si stanno sfidando nella 32esima edizione del Concorso 50&Più prosa, poesia, pittura e fotografia. “E’ una manifestazione unica nel suo genere – raccontano gli organizzatori -. Più di 600 concorrenti e 800 opere presentate da over 50 diventati da poco artisti non professionisti”.  

L’intuizione è infatti quella di portare sulla scena chi si scopre “creativo” avanti nell’età, “in controtendenza rispetto alla moda giovanile cui siamo abituati”. Organizzato dall’Associazione 50&Più – realtà aderente a Confcommercio con oltre 300mila iscritti – il premio è dedicato a tutti gli over 50 e si è aperto il primo luglio, per vedere dopo sette giorni la sua giornata conclusiva.

Mentre a presentare la manifestazione sarò il giornalista Rai Paolo Notari, sul Lago Maggiore sfileranno giurati di primo livello impegnati ad eleggere gli artisti più interessanti. Tra gli altri Renato Minore, il critico letterario de Il Messaggero, e il critico d’arte Duccio Trombadori

Nel bel borgo di Baveno, in provincia di Verbania sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, non solo esposizioni d’arte e mostre fotografiche ma anche laboratori didattici dedicati ai finalisti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Premio Strega 2014, la cinquina di libri vende poco. Si salva solo Francesco Piccolo

prev
Articolo Successivo

Roma, chiude il teatro Eliseo: verso Neanderthal

next