Il cantiere di Voltaggio, provincia di Alessandria, dove si sta scavando il tunnel per l’alta velocità Genova-Milano, denominata Terzovalico, è fermo. La ditta Lauro spa, che lavora in subappalto per il Cociv, è stata allontanata dai lavori. Secondo le prime indiscrezioni sembra siano venuti meno dei requisiti sull’antimafia. Altri due cantieri della Lauro, in Valle d’Aosta e Piemonte, erano stati chiusi nei giorni scorsi. “Venerdì gli operai si sono messi in sciopero – spiega Davide Bailo, NoTav del Terzovalico – dopo la notizia che 45, su 50, sarebbero stati licenziati, dopo che alla Lauro è stato revocato l’appalto per lo scavo di questo tunnel”. Il procedimento è partito dalla Prefettura di Torino e sembra riguardare un consulente esterno dell’azienda legato all‘ndrangheta. “Avevamo già denunciato la possibilità di infiltrazioni mafiose –dice un altro attivista NoTav- la ditta Lauro è coinvolta anche in altri processi, come è possibile che abbia lavorato indisturbata per un anno a una grande opera pubblica”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Archeologia: Otricoli, tra abbandono e cemento

prev
Articolo Successivo

Apuane, serrata delle imprese marmo. Ma dossier denuncia: “Cave in area Unesco”

next