Il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, accompagnato da una delegazione di  parlamentari del Carroccio e dal comitato promotore, ha depositato circa 3 milioni firme in Cassazione per convalidare i cinque quesiti referendari per abolire la legge Fornero sulle pensioni, la legge Merlin che vieta le case da prostituzione, le prefetture, la legge Mancino che punisce la discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi e per vietare i concorsi pubblici agli stranieri. “La legge Mancino – dice Salvini – mette in galera le idee”. Secondo il segretario della Lega Nord un’idea razzista non va processata. “Le idee – spiega – vanno combattute con altre idee, non con le manette. Qualunque idea va rispettata, anche se nazifascista o razzista”. Dello stesso parere il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli: “Il problema è la libertà di pensiero e i reati di opinione – ribadisce – indipendentemente da quali siano i presupposti”  di Paola Mentuccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Renzi a M5S: ‘Pronti a ragionare su preferenze se c’è governabilità’

next
Articolo Successivo

M5S-Pd, Orfini: ‘Non ho visto lo streaming, seguivo legge su lavoratori beni culturali’

next