La procura di Milano accusa la cantante Gianna Nannini di evasione fiscale per una cifra vicina ai 4 milioni di euro. Per questo il gip Luigi Criscione ha disposto il sequestro preventivo della sua villa di Siena, che comprende anche scuderie, magazzini e un’autorimessa. Secondo i pm, riporta il Corriere della Sera, la cantante avrebbe sottratto al fisco 3 milioni e 750mila euro, negli anni tra il 2007 e il 2012, “schermando” i guadagni ricavati da dischi e concerti con una società di diritto irlandese e una di diritto olandese: Paesi, Irlanda e Olanda, in cui la tassazione è più favorevole rispetto a quella italiana. In questo modo le royalties che arrivavano alla sua società milanese, la Gng Musica srl, dalle case discografiche Sony e Universal, venivano in parte sottratte al Fisco. 

Una quota di evasione (126mila euro) sarebbe stata realizzata detraendo dalle dichiarazioni dei redditi costi “inerenti attività canora” che secondo l’accusa, stando ai primi risultati delle indagini della Guardia di finanza, sarebbero serviti non per i palcoscenici dei concerti ma per arredamento e decorazioni per il bosco di una casa che la Nannini possiede a Piacenza. Con una parte della somma evasa, la cantante avrebbe comperato anche un appartamento nel quartiere londinese di South Kensington. Il quotidiano milanese scrive che la cantante ricorrerà a breve contro il sequestro

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voto di scambio: un Parlamento di scambisti del voto

next
Articolo Successivo

Custodia cautelare, anche i mafiosi potrebbero brindare

next