Tremano politici e attori protagonisti dei festini romani a cui partecipava Federica Gagliardi, fermata lo scorso 13 marzo con 24 chili di cocaina nel trolley. Mentre tutti quelli che l’hanno conosciuta prendono le distanze, si apre la settimana che potrebbe essere decisiva per l’inchiesta napoletana che ha portato alla sua cattura. La dama bianca, come spiega Repubblica, inoltrerà nelle prossime ore da una cella di Civitavecchia la richiesta di essere interrogata dal pm, come conferma il suo avvocato Nicola Capozzoli.

Gli indagati potrebbero essere una decina, tra cui la Finanza avrebbe individuato il broker internazionale, mediatore dei maxi acquisti di coca, cui sarebbe molto legata la Gagliardi. La Procura di Napoli sta indagando in particolare su eventuali viaggi fatti in Sud America dalla dama bianca, così soprannominata da quando scese dal volo di Stato che portava l’allora premier Silvio Berlusconi e il suo staff al G8 di Toronto in Canada, compreso quello a Panama quando partecipò all’incontro nello staff dell’allora presidente del Consiglio.

Prosegue lo scaricabarile tra i vip, che sostengono di non avere mai conosciuto la Gagliardi, frequentatrice del mondo dello spettacolo e della finanza, amante della bella vita con puntate costanti tra Ibiza, Saint Tropez e Formentera. Ma com’è possibile che una stagista introdotta nella politica diventi trafficante di cocaina? Molti sospettano il coinvolgimento dell’imprenditore Giulio Violati, marito dell’attrice Maria Grazia Cucinotta. Ma lui prende le distanze, sostenendo che si tratta di una “assoluta sciocchezza che sia stato io a portare la Gagliardi nel comitato della Polverini”. E aggiunge: “Lei venne presentata alla lista civica ‘Insieme cambiamo’ dall’allora consigliere comunale Francesco Maria Orsi. Io non so null’altro”.

Articolo modificato da redazioneweb il 13 gennaio 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omicidio di Bruno Caccia, una pista 30 anni dopo. I familiari: “Nuovo processo”

prev
Articolo Successivo

Gabriele Paolini verso il processo. Contestata la tentata violenza sessuale

next