Una bambina di tre anni di Milano è morta oggi a seguito delle ferite riportate in un incidente avvenuto sulle piste di Gressoney, in Valle d’Aosta. La bimba è stata investita da un altro sciatore mentre faceva lezione di sci con un gruppo di coetanei. L’incidente si è verificato su una pista blu a Weismatten. Dalle prime ricostruzioni, responsabile dell’accaduto sarebbe un ragazzo di 17 anni che non avrebbe visto la bimba, nascosta da un dosso. La bambina, immediatamente soccorsa da un rianimatore e un traumatologo che sciavano a poca distanza, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Aosta con l’elicottero ma ogni tentativo di salvarle la vita è stato inutile. L’investitore è invece rimasto illeso. Sono in corso indagini per ricostruire la dinamica dell’urto. Sequestrata l’attrezzatura del ragazzo per i rilievi, il fascicolo è stato passato alla procura dei minori di Torino.

Quello di Gressoney non è l’unico incidente della giornata: una valanga si è infatti staccata sul monte Palanzone (Como) e ha travolto tre escursionisti, uccidendone uno. L’uomo ha riportato un politrauma e quando è stato soccorso era in arresto cardiocircolatorio. Rianimato sul posto, è deceduto poco dopo essere arrivato all’ospedale di Como. Ferita ad un arto inferiore una donna di 40 anni mentre una bambina è rimasta illesa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lecco, tre bambine uccise a coltellate. La madre confessa: “Le ho uccise io”

prev
Articolo Successivo

Francesca Pascale: “A Berlusconi chiedo tutti i giorni di sposarmi. Rinuncio ai soldi”

next