“Instead of earning close to nothing on your money at a bank, you can directly invest in things that offer solid returns and create real or lasting value. Together, we can crowdsource investments in American infrastructure and create 21st-century energy jobs.”  

Van Jones, Cnn

 

Mosaic è una ditta con sede ad Oakland, non lontana da San Francisco e che mette insieme potenziali investitori e progetti di energia solare. L’idea di base è quella del crowd-sourcing, dove si possono fare investimenti comuni a partire da 25 dollari per installare pannelli solari su case ed edifici pubblici.

Funziona così: i proposti progetti sono online, dove tutti possono comodamente studiarne le caratteristiche. Una volta messi in rete, i progetti restano aperti agli investitori per 90 giorni. Se i fondi necessari all’opera specifica sono raccolti si passa alla fase di installazione. Una volta che è tutto a regime, chi ha partecipato al finanziamento riceve pagamenti mensili, in base a quanto versato.

I pagamenti sono tutti assicurati dall’Fdic (Federal Deposit Insurance Corporation) l’agenzia governativa che garantisce la sicurezza dei depositi in banca, e si possono o intascare o reinvestire. Le rendite oscillano fra il 4 ed il 6%. Per fare un paragone, la Exxon-Mobil, la più grande ditta petrolifera del mondo riporta rendite del 2,85%. Da quando il sito è partito, circa un anno e mezzo fa, sono stati investiti almeno 5,4 milioni di dollari, ed il 100% del capitale versato è stato recuperato dagli investitori.

Mosaic l’ha fondata Billy Parish, 31 anni.  Da studente universitario a Yale, nel 2002 visito’ il ghiacciaio che alimenta il fiume Gange in India, che si sta rapidamente ridimensionando. Decise che doveva far qualcosa. Dodici anni dopo, e dopo vari progetti ambientali, ecco la sua creatura che mescola capitalismo ed imprenditoria a qualcosa di buono.

Mosaic ha 4,000 investitori e i progetti che propone sono modesti. Ma la ditta è in forte crescita: agli investitori piace l’idea di mettere i propri soldi in qualcosa di verde e di concreto, piuttosto che in anonimi fondi comuni di investimento che non sai cosa ci fanno con i tuoi quattrini. 

Tutti i siti e i giornali americani – dal New York Times, a Cnn, al Washington Post, hanno parole di elogio, per l’inventiva e per il coraggio di Mr. Parish.

Immagini e link sono qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il vecchio Antiquarium è abbandonato. Mentre il nuovo resta chiuso

next
Articolo Successivo

Ecocidio: un crimine contro l’ambiente

next