I giudici della Corte d’assise d’appello di Milano hanno confermato l’ergastolo per l’ex capo di Cosa nostra, Totò Riina per l’omicidio di Alfio Trovato, ucciso a Milano il 25 maggio del 1992. I giudici, riformando la sentenza di primo grado, hanno condannato per quest’omicidio anche Giuseppe Madonia, ritenuto ex capo del mandamento di Caltanissetta, Leoluca Bagarella, Antonio Rinzivillo e altri, che in primo grado erano stati assolti. Alcuni degli imputati sono stati condannati anche per l’omicidio di Gaetano Carollo, ucciso a Liscate il primo giugno del 1987.

Riina è stato condannato con Carmelo Tasca per l’omicidio di Trovato, ammazzato in via Palmanova nel maggio del ’92 su ordine, secondo la ricostruzione del pm Marcello Musso, che aveva condotto le indagini, dello stesso Riina.

Erano state le dichiarazioni del pentito Giovanni Brusca a dare via alle indagini. Secondo il pentito, tra l’87 e il ’92 i vertici di Cosa Nostra decisero di eliminare alcuni esponenti mafiosi che stavano creando ‘problemi’ a Milano. Brusca aveva raccontato che il mandante era quello che lui stesso ha definito in aula il “capo dei capi” e il “numero uno”. Carollo era invece vicecapo del mandamento di Palermo. Giuseppe Madonia e Antonio Rinzivillo sono stati condannati all’ergastolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Adro, il prefetto reintegra il sindaco Oscar Lancini dopo la scarcerazione

prev
Articolo Successivo

Cosa nostra a Milano, 30 anni dopo la Corte condanna i killer di Gaetano Carollo

next