Bisogna serenamente ricordarsi e prendere atto che la pubblicazione di intercettazioni di questo tipo non è più sopportabile. Non c’entrano nulla“. Così Fabio Fazio, nella sua trasmissione “Che tempo che fa”, su Rai Tre, commenta l’audio della telefonata intercorsa tra Nichi Vendola e Archinà, conversazione pubblicata da ilfattoquotidiano.it. Il conduttore, senza menzionare esplicitamente la nostra testata, rimbecca Massimo Gramellini, che commenta con toni severi il dialogo tra il presidente della Regione Puglia e l’ex responsabile delle relazioni esterne dell’Ilva: “Vendola ha chiesto scusa al giornalista, però non ha ravvisato nulla di riprovevole nel tono complice di quella telefonata, come nel caso della Cancellieri”. “Veramente Vendola ha spiegato che per motivi istituzionali aveva rapporti con Archinà”, ribatte Fazio. “Sì, ma da un ministro o governatore regionale dobbiamo pretendere, minimo, che non abbiano confidenza con certi personaggi. E che si torni a dare del “lei”“, replica il vicedirettore de “La Stampa”. Fazio non ci sta e ribadisce che la non pubblicazione delle intercettazioni è “a tutela di tutti noi”: “L’intercettazione è un discorso, ma la pubblicità dell’intercettazione non sensibile è un’altra cosa“. Gramellini abbozza, ma rincara: “Ma non hai questa sensazione? E cioè che la classe dirigente italiana, come emerge da questa intercettazione, è una grande pappa dove tutti si conoscono e tutti si scambiano favori? Non sarà un reato, però è uno schifo. Si può dire che è uno schifo?”. Partono gli applausi del pubblico, ma Fazio insiste: “E’ uno schifo tanto quanto pubblicare intercettazioni non doverose

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amianto all’Olivetti, gli operai di Ivrea: “Così si sono ammalate le vittime”

prev
Articolo Successivo

Terra dei fuochi e veleni, il perito dei pm: “Arpac e Provincia non hanno controllato”

next