Dopo l’arresto di Carlo Sanjust del Pdl e di Mario Diana, ex capogruppo dello stesso partito, nel parlamentino regionale della Sardegna la tensione è palpabile. Aula semivuota, corridoi deserti, tra i membri del consiglio c’è sconcerto. In molti temono che con decine di indagati per peculato e finanziamento illecito ai partiti, presto potrebbero scattare le manette per altri politici regionali, della attuale e della precedente legislatura 2004-2009. Alcuni di fronte alla telecamera del Fatto scappano. I pochi che si fermano a parlare esprimono solidarietà per i due colleghi ora detenuti: “Finché non sapremo cosa c’è contro di loro nessuno può fare valutazioni”, dice uno. “Sono sicuro che i soldi li hanno utilizzati bene”, dice un altro. Le carte della procura della repubblica di Cagliari però parlano chiaro: feste di nozze, rolex d’oro per decine di migliaia di euro, libri pregiati, tutto pagato coi soldi dei gruppi. E nonostante anche il suo Partito democratico conti una trentina di indagati, l’ex governatore Renato Soru spiega: “I sardi devono distinguere, non siamo tutti uguali”  di David Marceddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sotto Hitler

prev
Articolo Successivo

Letta: “Dicono che ho le palle d’acciaio”. Brunetta: “Operai Ilva gliele fonderebbero”

next