“La politica invece che fare le prediche alla magistratura, faccia leggi serie, dopodiché la magistratura le applicherà”. Così il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, a margine del congresso dell’Anm a Roma. “Si riposizionino le norme – ha aggiunto – in modo che non si pratichino abusi”. “Come in politica – ha detto ai giornalisti – qualcuno interpreta il proprio ruolo in modo opinabile e ciò accade anche tra i magistrati ma si tratta di eccezioni”.

“La politica – ha detto poi Vietti nel suo intervento – si è asserragliata nel Palazzo, gridando ai complotti persecutori, senza preoccuparsi di dare l’impressione di voler cambiare gioco”. Alla critica contro il “vittimismo” mostrato dalla classe politica, tuttavia, è seguito un altrettanto critico “invito” ai magistrati a “evitare invasioni di campo”.  “Evitiamo – ha detto – la tentazione di sostituirci alla legge, padrone assente. Anche recenti eventi di cronaca ci insegnano che nessun magistrato possiede gli strumenti per surrogare il legislatore nelle scelte di valore che solo a quest’ultimo competono e il mercato nelle sue dinamiche. Con l’aggravente che le invasioni di campo – ha aggiunto – portano con sé il rischio di una generalizzata delegittimazione dell’ordine e soprattutto di evanescenza delle responsabilità, all’interno di un vero e proprio cortocircuito istituzionale e politico”.

La risposta dei magistrati è arrivata per voce dello stesso segretario dell’Anm, Maurizio Carbone. “Che ci sia voluta una legge per stabilire che un condannato a 2 anni non è candidabile – ha detto –  per affermare un principio di etica e applicare l’etica alla politica è un segnale che dimostra la debolezza della politica: i partiti non potevano fissare queste regole con un loro codice etico. “La magistratura – ha aggiunto rispondendo all’addebito sulle invasioni di campo – è obbligata a intervenire su temi, come l’Ilva di Taranto o la bioetica, per sopperire a inefficienze dello Stato, onde poi venire attaccata”.  Ma, ha commentato, “non ci divertiamo a svolgere un ruolo di supplenza, anzi chiediamo, invochiamo una politica forte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La giustizia che vorrei

prev
Articolo Successivo

41 bis, l’ago della bilancia per la politica italiana

next