“Con questa legge di Stabilità il governo sta continuando a infierire su un Paese che è già in ginocchio. Anche se è provato che l’austerità è disastrosa, con il debito in salita e il Pil e l’occupazione a picco continuano ancora su questa strada”. Così Piero Bernocchi, portavoce nazionale dei Cobas, spiega le ragioni della manifestazione che si sta svolgendo a Roma dei sindacati di base. Il corteo, partito da Piazza della Repubblica, raggiungerà piazza San Giovanni. Nella Capitale sono, inoltre, già scattate le misure di sicurezza rafforzate in vista del corteo “contro le grandi opere” previsto per domani. Camionette di polizia, carabinieri e guardia di finanza presidiano gli snodi importanti della città e i palazzi istituzionali, ministeri compresi. Particolarmente rafforzata la vigilanza alle vie d’acceso al Viminale, Palazzo Chigi, Senato e Quirinale. A questo proposito pannelli di protezione sono state installate davanti ai dicasteri dell’Economia e delle Infrastrutture. Il corteo si concluderà con una “acampada” in piazza San Giovanni, dove verrà allestita la tendopoli dei manifestanti, e un concerto in serata (99 Posse, Ascanio celestini e Banda Bassotti). Evento, a cui si affianca per la città di Roma, la partita di calcio all’Olimpico alle ore 20.45 che vede confrontarsi Roma e Napoli   video di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napolitano difende la legge di stabilità. Ma le imprese: “Fatto poco per le tasse”

prev
Articolo Successivo

Elezioni in Trentino e in Alto Adige, chi prende più voti piglia tutto

next