Fondazione Mps agirà in giudizio contro Nomura, Deutsche Bank e gli ex vertici di Banca Mps per ottenere il risarcimento dei danni legati alle operazioni strutturare Alexandra e Santorini. Lo si legge in una nota dell’ente guidato da Gabriello Mancini che, a suo tempo, aveva espresso riserve sulle azioni decise dall’assemblea dell’istituto.

La deputazione amministratrice della fondazione, dopo avere a suo tempo votato a favore delle azioni di responsabilità e di risarcimento del danno avviate da Banca Mps davanti al Tribunale di Firenze contro le due banche estere, l’ex presidente di Rocca Salimbeni Giuseppe Mussari e l’ex direttore generale Antonio Vigni, “ha attentamente esaminato la possibilità di agire contro i medesimi soggetti per ottenere il risarcimento dei danni che le sono stati direttamente causati”. “Tale esame – spiega una nota dell’ente – è stato principalmente condotto in base alla relazione degli amministratori della Banca Mps sottoposta agli azionisti in occasione dell’assemblea ordinaria del 30 aprile 2013, che contiene la descrizione e la puntuale analisi tecnica delle operazioni denominate Alexandria e Santorini poste in essere dai soggetti convenuti in responsabilità dalla Banca”.

“Essendo pervenuta alla convinzione che dai dati informativi resi pubblici dalla Banca Mps emerge l’esistenza dei presupposti per agire a tutela dell’ente, la deputazione amministratrice, sciogliendo la riserva a suo tempo espressa dal presidente in occasione dell’assemblea che approvò le azioni intraprese dalla banca, ha oggi deliberato di autorizzare presidente e direttore generale ad avviare nei tempi tecnici occorrenti, davanti ad ogni competente autorità giudiziaria, le dovute azioni di tutela. Nel contempo – conclude il comunicato – la fondazione ha altresì deciso di affiancare la Banca Mps nelle cause da questa avviate ed ha autorizzato presidente e direttore generale ad attivare tale intervento con il quale l’ente aggiungerà le proprie considerazioni nell’interesse proprio e a sostegno delle giuste richieste avanzate dalla banca”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mps, sospetta evasione fiscale legata alla vendita dell’ex esattoria di Roma

next
Articolo Successivo

“Esami facili” all’università di Messina. Sei arresti, legami con la ‘ndrangheta

next