Si è commemorato presso il Palazzo di Giustizia di Torino il trentennale dell’omicidio di Bruno Caccia, il Procuratore ucciso dalla ‘ndrangheta nel giugno del 1983. Alla cerimonia hanno partecipato Giancarlo Caselli, procuratore della Repubblica di Torino, e Roberto Saviano che hanno analizzato la questione delle Mafie nel Nord Italia. A margine dell’incontro Saviano ha commentato la firma di Antonio D’Alì, ex sottosegretario all’Interno e senatore del Pdl, imputato per concorso esterno in associazione mafiosa a Palermo, all’emendamento che permetterebbe la riforma costituzionale delle toghe. “Terribile. Vogliono far passare l’idea che – dice Saviano – le mafie sono sparatorie e narcotraffico e che tutto il resto è una sorta di speculazione politica c’è una parte di mondo che si sente a sua agio a mettere mano al diritto, nonostante siano accusati di mafia”  di Cosimo Caridi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ruby bis, Mora scarica Berlusconi: “Abuso di potere e degrado” ad Arcore

prev
Articolo Successivo

Strage di Ustica, orror di Stato

next