A pochi giorni dall’elezione, cominciano i problemi per Fabio Fucci, neo sindaco del Movimento 5 Stelle di Pomezia in provincia di Roma. Il primo cittadino è stato aggredito a calci e pugni in strada da una coppia di commercianti ambulanti, poi arrestati dai carabinieri. A quanto appreso il motivo dell’aggressione sarebbe riconducibile a dissidi sulle concessioni per l’allestimento di bancarelle a Torvajanica, sul litorale. Insieme a Fucci sono stati aggrediti anche il vice sindaco e un vigile urbano, tutti trasportati in ospedale per medicare lievi ferite.

Il sindaco, il primo grillino ad essere eletto in un comune del Lazio, è stato colpito con calci e pugni mentre si trovava a piedi in compagnia del vice sindaco, Elisabetta Serra, in piazza Indipendenza. Contro di loro si sono scagliati due venditori, un uomo e una donna, italiani di circa 50 anni. I due protestavano per la mancata autorizzazione sull’allestimento di un mercato. Un primo intervento dei vigili urbani ha scongiurato il peggio, ma poco dopo sono intervenuti anche le forze dell’ordine locali, che hanno arrestato i commercianti per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. I tre feriti sono stati portati in ospedale per le lievi contusioni. L’uomo è finito in carcere mentre la donna è ai domiciliari: saranno giudicati domani con rito direttissimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

F35, il piano della Difesa per i 90 aerei. Ognuno costa 100 milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Grillo: “Napolitano incontra Berlusconi? Come se avesse invitato Al Capone”

next